Seguici su Facebook

giovedì 12 novembre 2015

Azioni Poste Italiane: Conviene prenderle?




Da circa un mese a questa parte, le Poste sono entrate in borsa, questo significa che da circa un mese a questa parte sarà possibile diventare azionisti di Poste Italiane, e quindi sarà possibile investire i propri soldi in un prodotto che ha a che fare con le poste che non siano i classici buoni fruttiferi postali, i quali permettono di avere un rendimento veramente troppo scarso per chi ambisce ad ottenere un aumento di capitale, anche perché sotto certe soglie di interessi non si può nemmeno chiamare investimento, bensì "conservazione". Lasciamo i buoni fruttiferi postali a gli anziani e alle persone che non hanno il coraggio e le capacità per investire i soldi in maniera intelligente.

Non c'è dubbio sul fatto che queste azioni potrebbero riscuotere un grande successo, di certo non ci si aspetta che il loro valore raddoppi nell'arco di qualche anno, ma la cosa certa è che Poste Italiane è molto solida ed è sempre sul pezzo nel tentativo di creare nuovi utili, questo significa che è un investimento sicuro, o quantomeno non si rischia di perdere tutto il capitale per "fallimento" o per cose clamorose come ciò che è avvenuto alla Volkswagen, le cui azioni sono letteralmente crollate.
Azioni Poste Italiane

Come comprare le azioni delle Poste Italiane?





Così come per tutte le altre azioni, sarà possibile acquistare le azioni delle Poste mediante una SIM, cioè una società di intermediazione mobiliare, oppure ci si potrà recare personalmente presso la propria banca e chiedere appunto di comprare azioni delle Poste italiane, poi ci penseranno gli impiegati a spiegarvi come funziona. Ma a causa delle alte commissioni, dei problemi burocratici e delle tempistiche, molti stanno decidendo di evitare di recarsi in banca per comprare azioni, e preferiscono comprarle su Internet utilizzando una delle piattaforme che si occupano di trading. Le persone più "conservatrici" preferiranno recarsi in banca per acquistare le azioni, quando invece avrebbero potuto acquistarle online in maniera molto semplice, e senza alcuna rottura di scatole a differenza della situazione che si presenterà in banca, o comunque con un consulente finanziario che probabilmente farà anche di tutto per ottenere il maggior numero di commissioni possibili e vi farà ottenere un guadagno misero ammesso che ci sarà. Ma la scelta migliore che agevola tutti, specialmente quelli che non sanno nemmeno cosa sono le azioni, per acquistare azioni in maniera facile, ce la da proprio Poste Italiane che ha pensato proprio a tutto, tant'è che è possibile comprare azioni delle Poste Italiane in maniera semplice grazie al sito delle Poste, precisamente a questo sottodominio che le poste hanno acquistato per il lancio in borsa: Comprare azioni sul sito delle poste, questo non significa che sarà possibile comprare le azioni sul sito, ma che questo sito agevola la procedura, spiegando in maniera dettagliata come procedere.

Qual è il numero minimo di azioni Poste Italiane acquistabili?



Chi si è occupato del collocamento delle azioni Poste Italiane ha voluto permettere a tutti i piccoli investitori di investire una parte del loro portafogli di investimento nelle Poste, questo perché il numero minimo di azioni acquistabili è 50, questo significa che chiunque abbia almeno 400€ da investire, potrà tranquillamente diventare un'azionista di Poste Italiane, che tra l'altro ha decido di redistribuire ben l'80% degli utili tra gli azionisti, questa è un'ottima notizia, in quanto si possono ottenere veramente guadagni interessanti in proporzione alla somma investita per diventare uno dei tanti "proprietari" delle Poste.

Conviene investire nelle azioni delle Poste Italiane?





La risposta è assolutamente sì, conviene comprare azioni delle poste, questo non lo diciamo noi che siamo investitori come te, ma lo dicono alcune delle più grandi menti della finanza italiana, basti pensare al flottante di cui son dotate le Poste, non è di certo un'azienda piccola, ed è in constante crescita. Un altro fattore molto importante che ci fa propendere per l'acquisto delle azioni delle Poste sta nel fatto che i competitors delle poste italiane sono perlopiù banche, ma l'italiano medio propende per l'avere un conto alle poste piuttosto che in banca, le quali sono spesso ritenute sinonimo di truffa legalizzata. Cosa che personalmente non condivido, ma questo è l'italiano medio, e noi dobbiamo approfittarne di questo.

Quanto costano le azioni di Poste Italiane?


Il prezzo con il quale sono entrate sul mercato azionario era pari a 6,50€, al momento le azioni delle Poste italiane valgono 6,70€ l'una, questo significa che per poter comprare azioni di Poste Italiane occorrerà spendere almeno 6,70€, ma tale valore è in continua evoluzione in base all'andamento in borsa delle azioni, cioè dalla domanda e dall'offerta che le azioni stesse hanno. Questo significa che quando leggerai quest'articolo molto probabilmente il loro valore sarà variato, puoi consultare qui il valore attuale delle azioni di Poste Italiane.

Si possono vendere le azioni delle Poste?


Assolutamente sì, si possono vendere le azioni delle poste, naturalmente si possono vendere solamente le azioni di cui si è in possesso, basterà recarsi presso il proprio intermediario e procedere con la messa sul mercato delle azioni che si desidera vendere, Ma personalmente consiglio di evitare di vederle, perché nel giro di qualche anno potrebbero dare veramente grosse soddisfazioni agli azioni che hanno deciso di acquistarle.

Comprare le azioni Poste Italiane con il Bancoposta


Una soluzione molto intelligente che le Poste mettono a disposizione consiste nell'acquistare azioni Poste Italiane tramite il Bancoposta. Per poter procedere con l'acquisto occorre recarsi in un Ufficio Postale e compilare delle scartoffie inerenti la classificazione, la profilazione e la contrattualizzazione. Una volta fatto ciò sempre nell'ufficio postale si procederà con l'apertura del deposito titoli, e in un secondo momento si potranno acquistare le azioni poste italiane direttamente dal proprio conto Bancoposta o Bancoposta click mediante la piattaforma di trading che le poste ci mettono a disposizione.

Nessun commento:

Posta un commento