Seguici su Facebook

lunedì 18 luglio 2016

Chernobyl oggi è abitata?




Chernobyl è diventata una città nota a livello mondiale a causa del disastro nucleare che l'ha coinvolta e per il numero enorme di morti che ha causati nel corso degli anni e che tutt'ora continua a causa(in maniera indiretta), seppur in maniera minore, in Ucraina e nel resto dell'Europa dell'est.
Ma oggi com'è Chernobyl? Oggi è semplicemente una città fantasma, come è stata ribattezzata da molte testate giornalistiche sia italiane che straniere, città fantasma nella quale però c'è ancora vita, si, perché Chernobyl oggi è abitata.

Ci vuole coraggio per vivere in una realtà del genere, sapendo che essa ha portato alla morte di tantissime persone, tra l'altro rimasta allo stato dell'epoca, è letteralmente tutto distrutto.

Giostre di Chernobyl


Chernobyl oggi





Chernobyl oggi è una città che soffre, la radioattività è ancora alta, nonostante sia scesa in maniera precipitosa rispetto al 1986, anno in cui ci fu il grande disastro, ma ci vorranno ancora tantissimi anni prima che la città possa tornare vivibile appieno, e si possa ricostruire. Anche se molto presumibilmente mai si farà più costruire, primo per eventuali rischi, secondo perché ormai è un luogo passato alla storia così com'è, ricostruire significherebbe non far rivivere ciò che realmente è stato.


Oggi a Chernobyl ci vivono ben 500 persone, non sappiamo esattamente molte di queste che persone siano, ma secondo un giornalista del Corriere della Sera, molte di queste persone sono ex abitanti di Chernobyl che hanno deciso di tornare nel loro luogo natio a trascorrere gli ultimi anni della loro vita. Infatti l'età media è altissima, e non ci sono giovani. Non solo Chernobyl è abitata, ma c'è un Hotel, i cui costi sono anche piuttosto alti per essere un Hotel situato in un luogo radioattivo, ma è normale che costi tanto vista la grande attrazione. Visitare Chernobyl non è pericoloso, naturalmente con le dovute precauzioni e stando per un periodo di tempo molto limitato nelle zone radioattive.


Gli abitanti di Chernobyl vivono in zone specifiche, dove le radiazioni sono minori rispetto ad un perimetro molto vasto in cui è praticamente impossibile vivere, a causa dell'enorme rischio di morire a causa delle radiazioni che causerebbero tumori e malformazioni.

Gli eroi di Chernobyl




C'è una cappella dedicata agli eroi, a coloro che lavorarono per tamponare il problema, nel corso degli anni oltre 500.000 persone hanno lavorato per raffreddare il reattore, molti di questi si sono seriamente ammalati, soprattutto i primi ad intervenire e sono morti, certi della fine che avrebbero fatto. Altri sono stati spinti a lavorare per una somma piuttosto ingente per l'epoca, ma non furono resi consapevoli dei rischi che correvano, e anche loro morirono.
Monumento dedicato ai vigili del fuoco che intervennero nella notte del disastro, tutti morti nel corso degli anni a causa delle radiazioni. Foto di http://www.vecchiazzano.it/

Nessun commento:

Posta un commento