Seguici su Facebook

martedì 15 marzo 2016

Chi ha scritto il Corano?




Dopo aver preso in esame la Bibbia, ora ci occuperemo di un altro libro sacro, un libro per il quale qualcuno è anche disposto a uccidere o a uccidersi: il Corano. Il Corano, al pari della Bibbia, è un libro bellissimo, un libro che merita di essere letto a prescindere dalla religione di cui ci si professa credenti, in tempi come questi soprattutto; anche perché soltanto se si conosce si hanno gli strumenti per agire in maniera efficace.

Questo libro è un libro molto importante, perché è il libro sacro di una delle religioni più importanti del mondo, ed è anche il testo al quale l'ISIS dice di ispirarsi.

 Una domanda che molte persone si pongono è: "Ma chi ha scritto il Corano?" In questo articolo, cercheremo di dare una risposta a questa domanda. 
Chi ha scritto il Corano?

 Chi ha scritto il Corano? 




Per rispondere a questa domanda, bisogna vedere un attimo l'ambiente e il contesto storico in cui nasce la religione islamica. L'Islam nasce agli inizi del VII secolo d.C. nella città de La Mecca, nella penisola arabica; nello stesso periodo, l'Impero Romano d'Oriente era la potenza dominante del mondo cristiano e si contendeva con i Longobardi il possesso dell'Italia. La Mecca all'epoca era una sorta di grande world trade center: lì infatti giungevano mercanti da ogni angolo del globo, e anche le varie culture entravano in contatto e si compenetravano. Sempre a La Mecca, si trovava (e si trova ancora oggi, anche se inglobato nella moschea islamica) una sorta di santuario sacro alle varie tribù nomadi della penisola arabica, il quale alimentava un certo business, che dava da mangiare a un numero discreto di famiglie. 

In questa città vive Muhammad, quello che poi l'Islam riconoscerà come suo profeta, ed è proprio lui a diffondere questo nuovo credo. L'Islam si propone come la religione definitiva, come l'unica vera religione: Dio, Allah, l'unico vero Dio, si era già rivelato agli uomini attraverso i profeti dell'Ebraismo (Abramo, Isacco, Giacobbe, Isaia, Geremia, Ezechiele...) e del Cristianesimo (Gesù), ma soltanto a Muhammad si rivela definitivamente. È da ciò che nasce il Corano, dalla parola araba che significa "Recitazione", "Orazione Salmodiata": secondo la tradizione islamica, l'autore del testo sacro fondamentale dell'Islam sarebbe Allah in persona, che attraverso l'Arcangelo Gabriele l'avrebbe dettato a Muhammad. Com'è facilmente presumibile, l'Islam dapprincipio non viene subito bene accolto a La Mecca: il motivo è che come religione, per i venditori di idoli che costituiscono il grosso della cittadinanza meccana, non è redditizia e fa calare gli affari. Muhammad quindi è costretto, nel 622, a ripiegare sulla vicina città di Medina, dove può far far crescere il suo credo in santa pace. 


Arriviamo quindi a fornire una risposta alla domanda "chi ha scritto il Corano", quella fornita dalla tradizione religiosa. La storia cosa dice però? Ufficialmente non si esprime sull'autore originale del Corano. L'unica cosa che ci dice, è che la prima versione diffusa e utilizzata in forma scritta del Corano sarebbe stata composta da un certo Zayd in Thabit, uno dei primissimi convertiti all'Islam, che durante il terzo Califfato avrebbe ricevuto dal califfo l'ordine di mettere il Corano per iscritto.




La stesura del Corano, quindi, secondo le fonti storiche di cui siamo in possesso, risalirebbe a circa una ventina d'anni dopo la morte del profeta e che l'autore avrebbe ascoltato direttamente e da vicino la predicazione del profeta. 

Negli ultimissimi anni, però, è emersa una nuova ipotesi, sconcertante per il mondo islamico: un équipe di archeologi inglesi, esaminando con il radiocarbonio il cosiddetto "Corano di Birmingham", ritenuto essere la copia più antica esistente del Corano, avrebbe scoperto che il testo sarebbe in realtà precedente alla predicazione di Muhammad. Se l'ipotesi fosse vera, verrebbe a crollare uno dei principali dogmi della fede islamica, ovvero che il Corano è stato scritto da Muhammad su ispirazione i Allah stesso.

Nessun commento:

Posta un commento