Seguici su Facebook

domenica 27 settembre 2015

Storia di Costantinopoli: Riassunto




Costantinopoli, oggi conosciuta come Istanbul e anticamente nota come Bisanzio, è sempre stata nella storia una delle città più affascinanti, a prescindere dal periodo storico o dai diversi occupanti che si sono susseguiti nella sua storia millenaria, dai Romani ai Turchi, passando per gli Ottomani, fino al crollo dell'Impero Ottomano per poi giungere ai giorni nostri. Riteniamo che un argomento di così vitale importanza(nel tentativo di comprendere la Storia antica) meriti un approfondimento, e di conseguenza abbiamo deciso di scrivere un riassunto della storia di Costantinopoli.

Situata in una posizione di assoluto prestigio, è sempre stata considerata il crocevia tra l'Europa e l'Asia, tra l'Occidente e l'Oriente e di lì transitavano continuamente convogli navali o via terra verso i commerci europei colmi di prodotti orientali (persiani, indiani cinesi o giapponesi) e viceversa.
Costantinopoli Riassunto

La sua posizione sullo stretto del Bosforo e quindi il controllo del commercio navale all'interno del Mar Nero sono sempre stati di importanza assoluta per tutti i popoli che vi si sono insidiati portando profitti economici veramente notevoli.
Infatti la città è sempre stato il primo obiettivo di qualunque invasore avesse voluto impossessarsi dei vari regni che si sono lì insediati, appunto per la sua incredibile importanza economicamente e culturale.
Ora esaminiamo un po' la storia di questa meravigliosa città.

Costantinopoli: Riassunto



Come stiamo per L'antica Bisanzio venne fondata dai Megaresi nel 667 a.C. mentre la città di Costantinopoli vera e propria fu fondata nell'11 maggio 330 da Costantino, imperatore romano dal quale prende il nome la città.
Essa fu nominata capitale, spodestando Roma dopo centinaia di anni, e fu chiamata "altera Roma" (seconda Roma) o "nuova Roma".
Questa città era, oltre che il crocevia tra Occidente e Oriente, anche l'incontro tra la cultura romana e quella ellenistica, che entrava piano piano nella società bizantina.
Nonostante ciò Costantino ordinò che a corte si continuasse a parlare il latino, poiché la cultura latina era comunque dominante su quella ellenica, nonostante l"orientalizzazione" dell'impero.

La città dunque, essendo diventata il fulcro del mondo, conobbe un'incredibile aumento di popolazione (da circa 20000 persone a oltre 500 mila) e di attività artistica e economica, che fece in breve tempo di Costantinopoli la città più bella del Mediterraneo.
Durante la sua storia fu ulteriormente abbellita da importanti imperatori con la costruzione di edifici pubblici e privati ma anche di edifici religiosi; ricordiamo per esempio la costruzione dell'immensa basilica di Santa Sofia, avvenuta sotto l'impero di Teodosio.
Nella sua storia millenaria Costantinopoli ha sempre attraversato alti e bassi talvolta molto ravvicinati tra loro, causati probabilmente dalla sua posizione molto vulnerabile: se infatti ricordiamo per esempio, durante il XI secolo il suo grandissimo splendore (aveva superato il milione di abitanti ed era probabilmente la città più potente del mondo), non possiamo dimenticare tutti gli assedi di cui è stata vittima.
Arabi, Bulgari, Russi, Normanni e Tedeschi hanno cercato invano in diversi momenti di conquistare la città, stringendola d'assedio ma per diversi motivi hanno dovuto desistere.
Ci riuscirono invece gli Ottomani, nel 29 maggio 1453, quando Costantinopoli, diventata ormai una capitale senza impero, con solo più 50 mila abitanti, venne conquistato e diventò la capitale dell'impero ottomano.
Sotto il dominio turco molte chiese divennero moschee e la città prese il nome di Istanbul, che ancora oggi è in vigore.
Questa meravigliosa città detiene tra l'altro uno strano record: infatti è la città che in assoluto ha subito e respinto più assedi nella storia.
Ancora oggi la città è una delle più visitate del mondo e affascina chiunque per il suo splendore artistico ma soprattutto per la fusione di culture, etnie completamente diverse che si vive girando per le sue vie.

Nessun commento:

Posta un commento