Seguici su Facebook

lunedì 3 agosto 2015

Robinson Crusoe: riassunto




In questo articolo parleremo di una delle maggiori opere della letteratura inglese: il romanzo "Robinson Crusoe", capolavoro di Daniel Defoe, considerato dagli esperti come l'inventore del romanzo moderno.

La storia di Robinson Crusoe è nota a tutti; un marinaio naufraga su un'isola deserta e dopo anni viene salvato da una nave di pirati. È uno dei primi prototipi di romanzo d'avventura e risulta di molto semplice lettura, per questo viene spesso assegnato come lettura estiva o di compito nelle medie e nelle superiori, dove invece può capitare che ne sia assegnata la lettura in lingua originale. Per questo motivo abbiamo prodotto questo riassunto di Robinson Crusoe, in modo che non arriviate a scuola senza i compiti fatti.

Riassunto "Robinson Crusoe"

Robinson Crusoe Riassunto



Robinson Crusoe è un ragazzo appartenente a una famiglia della "middle class" inglese del XVII secolo e nel romanzo narra la sua storia in prima persona, come se fosse una specie di diario. Contro i desideri del padre, che lo vorrebbe avvocato, Robinson decide di prendere il mare e di diventare marinaio e poi armatore. La prima spedizione si rivela subito disastrosa, con la sua nave che cade in un naufragio. Tuttavia Robinson non si arrende e si imbarca per una seconda volta, ma anche questo secondo viaggio è sfortunato: Robinson viene fatto schiavo da alcuni pirati vicino alla costa di Salé, in Africa. Dopo due anni, però, grazie alla sua abilità, riesce a fuggire insieme a un ragazzo arabo di nome Xury e viene salvato da una nave portoghese. Sulla nave stringe amicizia con il capitano, che lo invoglia a mettere in piedi una piantagione di canna da zucchero in Brasile, attività che si rivela abbastanza redditizia.

Dopo un paio d'anni, Robinson scopre il redditizio business della tratta degli schiavi africani e subito vuole prenderne parte, quindi arma una nave e si dirige verso la Guinea, ma qualcosa va storto e entriamo nel cuore del romanzo: la nave naufraga sulle coste di un'isola nei pressi del delta dell'Orinoco. Qui Robinson, seppur andando incontro a qualche difficoltà, riesce grazie alla sua abilità, al suo ingegno e alla sua determinazione a mettere in piedi una specie di mondo civile, a ricrearsi il suo mondo di borghese inglese: si costruisce un'abitazione, riesce a far crescere l'orzo e l'uva e ad avere un piccolo allevamento di capre, impara a cacciare e all'occorrenza a costruirsi alcuni oggetti in ceramica. Sull'isola, poi, scopre anche la fede, perché l'unica lettura che ha la possibilità di avere con se è la Bibbia. In quel luogo, Robinson rimane per quasi trent'anni.

Un giorno il nostro protagonista scopre di non essere solo sull'isola: passeggiando sulla spiaggia nota alcune impronte umane che non sono le sue, poi scopre una tribù di cannibali che è solita sacrificare le proprie vittime. Mentre li scopre, stanno portando con se una nuova vittima sacrificale. A quel punto Robinson decide di attaccarli e li uccide, salvando il malcapitato indigeno che prenderà il nome di Venerdì (perché quello era il giorno della settimana in cui è stato salvato). Venerdì è un ragazzo molto gentile, sveglio e intelligente e si affeziona subito al suo liberatore, il quale lo converte al cristianesimo attraverso la lettura della Bibbia. Successivamente, Robinson e Venerdì liberano dai cannibali altre due vittime: il padre di Venerdì e un naufrago spagnolo, il quale rivela l'esistenza di una "colonia" di naufraghi spagnoli sul continente. I quattro quindi organizzano una spedizione per raggiungerla, ma prima di metterla in pratica succede che sopraggiunge una nave di ammutinati battente bandiera inglese che vuole abbandonare il comandante sull'isola. Robinson allora si mette d'accordo con il comandante e insieme riescono a sbaragliare gli ammutinati, a prendere possesso della nave e ad abbandonare i rivoltosi sull'isola.

La nave quindi salpa alla volta dell'Inghilterra e la raggiunge dopo 7 mesi di navigazione. Qui, dopo essere creduto ormai morto dalla sua famiglia, scopre in realtà di essere molto ricco perché la piantagione che aveva messo su in Brasile era nel frattempo diventata molto redditizia. Alla fine del romanzo Robinson, dopo aver messo su famiglia, venduto la piantagione e essere diventato per un breve tempo governatore dell'isola sulla quale era naufragato, si ritira a vita privata in Inghilterra.

Nessun commento:

Posta un commento