Seguici su Facebook

domenica 1 marzo 2015

Perché si vota con la matita

Perché si vota con la matita

In questi giorni, ho letto delle assurdità scritte da alcuni amici in merito alle modalità delle votazioni politiche, c'è stato persino chi ha sostenuto che si vota con la matita per il semplice fatto che così i poteri forti possano cambiare molto facilmente il risultato delle elezioni, evidentemente queste sono persone molto fantasiose e molto pigre, altrimenti avrebbero fatto delle ricerche per scoprire quale sia il motivo reale per il quale si vota con la matita e non con la penna. Esattamente perché si vota con la matita?

Le matite con le quali votiamo non sono cancellabili come alcuni credono, in realtà queste sono matite copiative e non è cancellabile con una semplice gomma, ma solo con solventi molto forti o come molto più comunemente accade con abrasione, con la quale la scheda diventerebbe inutilizzabile, quindi i nostri amici fantasiosi non possono sostenere che la matita venga utilizzata per favorire i brogli elettorali, in quanto la scheda diventerebbe nulla a causa dello stato della stessa dopo il processo abrasivo.

La differenza sostanziale sta nel fatto che la mina non sia fatta di sola grafite come le altre matite, ma è composta anche da un colorante che deriva da un composto aromatico: l'anilina.

Queste matite incancellabili sono di proprietà dello Stato Italiano, colui che ha il compito di gestire il seggio... ovvero il Presidente ha il dovere di riconsegnare tutte le matite indipendentemente dal loro stato post-votazione, anche se si dovessero essere rotte o consumate del tutto.

Votare con la matita, quindi non è un sistema truffaldino per fare brogli elettorali(ragioniamoci un attimo: sarebbero così banali?), inoltre se non si riconsegna la matita una volta dopo aver votato e si "scappa con essa" il presidente del Seggio rischia una multa che varia dai 109 ai 300 euro, molti vero? Basti pensare che lo scorso anno in quel di Roma sparì una matita copiativa e che a causa di questo furto, gli scrutatori andarono casa per casa a chiedere alle persone chi l'avesse "rubata", questo solo per evitare una multa di 300€ che non è altro che il giusto prezzo da pagare per le proprie dimenticanze.

Quindi ricapitolando, si vota con la matita per il semplice fatto che è migliore della penna, in quanto le penne hanno l'enorme problema dell'inchiostro, oltre ai problemi ovvi, lascia anche un segno che rende visibile il voto anche dal retro della scheda

Nessun commento:

Posta un commento