Seguici su Facebook

sabato 28 gennaio 2017

Seconda Guerra Punica: Riassunto




La seconda guerra punica fu la seconda delle tre guerre puniche che furono combattute tra Roma e Cartagine anticamente. Questa guerra è quella che ha reso celebre Annibale, uno dei più agguerriti avversari che Roma abbia mai dovuto affrontare, in Italia infatti non fu mai sconfitto.

Questa guerra fu voluta da Cartagine per riconquistare i territori persi in seguito alla sconfitta nella prima guerra punica. Ci vollero molti anni prima che Cartagine fosse di nuovo in grado di affrontare Roma.

La seconda guerra punica vide l'ennesima vittoria di Roma che a questo punto controllava tutto il mediterraneo occidentale.
Seconda guerra punica
Annibale

Riassunto della seconda guerra punica: Situazione prima dello scoppio della guerra





Cartagine si era indebolita molto dopo la sconfitta nella prima guerra punica, e la sua flotta era stata quasi completamente distrutta, quindi Roma ha potuto conquistare la Sardegna e la Corsica senza troppe difficoltà. Ci sono voluti 20 anni per permettere a Cartagine di riassestarsi ed essere di nuovo in grado di fronteggiare Roma.

Questa è stata la guerra peggiore del mondo antico, il numero di perdite umani e lo sforzo economico di questa guerra non furono mai battuti né prima né dopo questa guerra.

Cause della seconda guerra punica


Le cause della seconda guerra punica furono le stesse che spinsero Hitler a fare la guerra alla Francia il secolo scorso, ovvero rifarsi sul nemico che ha vinto la guerra precedente, e riprendersi i territori e il potere perduto.

Cartagine non era intenzionata a mollare così si preparò duramente alla guerra contro Roma, la sua economia già era indirizzata alla guerra diversi anni prima che la guerra avesse inizio. Roma, invece, era al corrente del fatto che Cartagine da lì a breve avrebbe provato a riscattarsi e così non restò a guardare e si rafforzò.


Lo svolgimento della seconda guerra punica





La guerra iniziò nel 218 a.C. e terminò solamente nel 202 a.C. Prima di dare vita alla guerra a Roma, Cartagine con i generali Amilcare Bacca e suo figlio Annibale conquistarono la Spagna. Successivamente Annibale attaccò Sagunto che era una degli alleati di Roma, così costrinse Roma ad intervenire e dichiarare guerra a Cartagine

Mentre Roma si organizzava per mandare le truppe in Spagna a contenere Annibale, quest'ultimo con una mossa molto scaltra attraversò le Alpi e arrivò in Italia, ci furono diversi scontri con le truppe romane e in tutti i casini Annibale riuscì a vincere anche se non mise mai seriamente in difficoltà Roma, nel frattempo i romani riuscirono ad evitare che ad Annibale arrivassero rinforzi in quel della Spagna.

Annibale successivamente in Puglia con le truppe cartaginesi riuscì ad eliminare più del 50% delle truppe romane, fu una delle più grandi sconfitte della storia di Roma repubblicana, però fece un grave errore tattico, in quanto non si mise subito in cammino verso Roma e questo permise alla Repubblica romana di riorganizzarsi e coordinare le truppe per fermare il temibile avversario cartaginese. 




Per le truppe cartaginesi era finita, la concreta possibilità di vincere la guerra era sfumata, successivamente il fratello di Annibale arrivato in Italia partendo dalla Spagna fu sconfitto duramente dai romani e perse la vita in battaglia.

In seguito le truppe romane riuscirono ad ottenere altre vittorie importanti, la guerra si spostò in Africa, e grazie al grande stratega Scipione l'Africano, Roma non ebbe difficoltà nel vincere le battaglie decisive che ne decretarono la vittoria.

Conseguenze della Seconda Guerra Punica


La seconda guerra punica portò nuovamente Cartagine in uno stato di completo disastro economico, ma anche Roma ne uscì con le ossa rotte, tant'è che furono raddoppiate le tasse per permettere alle casse repubblicane di avere i capitali necessari alla ricostruzione post-guerra.
Annibale perse perché non ci fu il giusto supporto da parte della patria, e perché sottovalutò il rapporto tra Roma e le altre popolazioni italiche che erano succubi di Roma, credendo che l'avrebbero aiutato, e che Roma fosse un nemico in comune, ma fece male i suoi calcoli. La guerra tra Roma e Cartagine non finirà qui, difatti non molto tempo dopo ci fu la terza guerra punica, sul nostro sito puoi leggere un riassunto della terza guerra punica.






Nessun commento:

Posta un commento